| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Work with all your cloud files (Drive, Dropbox, and Slack and Gmail attachments) and documents (Google Docs, Sheets, and Notion) in one place. Try Dokkio (from the makers of PBworks) for free. Now available on the web, Mac, Windows, and as a Chrome extension!

View
 

Rolex-Storia-Quattro

Page history last edited by rolexsale 11 months, 3 weeks ago

1956

OYSTER PERPETUAL MILGAUSS

Il Milgauss, presentato nel 1956, fu progettato per rispondere alle esigenze della comunità scientifica ed è in grado di resistere a campi magnetici fino a 1.000 gauss. La principale innovazione che garantisce l’incredibile resistenza alle interferenze magnetiche del Milgauss è costituita dalla campana interna destinata a proteggere il movimento.

 

Realizzata in speciali leghe ferromagnetiche selezionate da Rolex Replica Orologi, questa campana si compone di due parti, una avvitata al movimento e l’altra alla cassa Oyster. La sua consacrazione come perfetto scudo magnetico arriverà dopo rigorose prove condotte dagli ingegneri del CERN.

 

1957

LADY‑DATEJUST

Il Lady‑Datejust, prima versione femminile del cronometro Rolex con calendario, porta avanti la stessa tradizione di eleganza e funzionalità in una dimensione più piccola, che avvolge perfettamente il polso femminile.

 

1959

DAYTONA BEACH

Daytona Beach, Florida. Lunga, piatta e caratterizzata da una sabbia particolarmente compatta, la spiaggia di Daytona ha contribuito a scrivere la leggenda della città, capitale mondiale della velocità. Tra il 1904 e il 1935 a Daytona Beach vengono stabiliti 14 record del mondo della velocità, cinque dei quali firmati da Sir Malcolm Campbell, sempre accompagnato dal suo orologio Rolex. Ma col tempo le condizioni della sabbia si deteriorano e nel 1959 viene costruita una “super‑pista”: la Daytona International Speedway.

 

Questo nuovo anfiteatro dell’automobilismo attrae rapidamente quella che diventerà una delle più prestigiose gare di resistenza insieme alla 24 Ore di Le Mans. Non si corre più sulla sabbia, ma laImitazioni rolex 24 At Daytona rimane una prova leggendaria per macchine e piloti.

 

1960

DEEP SEA SPECIAL

Nel corso degli anni ’50, Rolex condusse una serie di test estremamente rigorosi per realizzare un orologio sperimentale: il Deep Sea Special. Grazie all’esperienza maturata nel corso della fabbricazione dei primi due modelli, i creatori del Deep Sea Special realizzarono infine una terza versione, in grado di resistere alle condizioni esterne più estreme, incluse quelle del Challenger Deep, il punto più profondo della fossa delle Marianne.

 

1960

L’IMMERSIONE ALLA MASSIMA PROFONDITÀ

Nel 1960, il batiscafo sperimentale Trieste si immerse con successo presso la fossa delle Marianne, la depressione più profonda al mondo nota all’uomo. Guidato dal tenente Don Walsh, accompagnato da Jacques Piccard, il batiscafo Trieste ha stabilito un record nella storia delle immersioni oceaniche in profondità.

 

Riemerso dalla profondità record di 10.916 metri, il Trieste era in perfette condizioni, così come l’orologio sperimentale Deep Sea Special di Rolex, che era rimasto attaccato al suo scafo per tutta la durata dell’immersione.

 

1963

COSMOGRAPH DAYTONA

Il Cosmograph venne lanciato nel 1963 come cronografo di nuova generazione e si vide subito attribuire un nome iconico: daytona Replica rolex. Robusto e impermeabile, concepito come strumento d’avanguardia a disposizione dei piloti di endurance, il Cosmograph Daytona presenta, sulla lunetta, una scala tachimetrica destinata al rilevamento della velocità media.

 

1967

SEA-DWELLER

Nel 1967 nasce l’Oyster Perpetual Sea‑Dweller, impermeabile fino a 610 metri. Per soddisfare le richieste espresse dai subacquei professionisti, la cassa è dotata di una valvola affinché, durante le lunghe fasi di decompressione nella cassa iperbarica, l’elio delle miscele gassose utilizzate possa essere espulso senza alcun rischio per l’orologio.

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.